LUIGIBOCCILLI

Roma Monnezza

ROMA È TUTTA 'NA MONNEZZA!


     Tutta 'na monnezza già, per essere divenuta tutta un letamaio e…

     E quanto ci soffro a definirla ridotto così!

     Ma di chi è  la colpa?

     Certamente  di chi dovrebbe provvedere a pulirla e non lo fa, ma – più ancora!… – degli  emeriti Zozzoni che sulla strada gettano ogni sorta di porcheria, mai pensando di gettarci anche… se stessi!

     Un porco modo d'essere, questo, che con la morte nel cuore mi ha indotto a elaborare il seguente sonetto, ove la mia amata Roma viene osserevata come una bella donna dalla faccia sporca.…


ROMA LA BELLA!


'Na bella donna da la faccia zozza:

questo me pare mo Rometta mia,

armeno a giudicalla su la scia

de quer che vede chi se la scarozza.


Come er Turista: «Mamma si che pozza

de putridume – dice – in igni via!…

Er che me fa pensà che “pulizia”

pe voi è 'na quistione abbietta, rozza.


Ma come cacchio fate voi Romani

a nun avecce un filo d'imbarazzo

ner véde quer che fanno li Tafani


E a stavve zitti mentre ch'io me incazzo,

ner scantonà la merda de li cani,

er che è davero tutto un brutto annazzo?…



“Roma la Bella!…” dice tutto er monno;

tamanto bella che nun c'è l'uguale,

ridotta a un modo d'esse nauseabonno


E no sortanto drento a lo Stivale,

ma indove sìi se sìi… a lo sprofonno:

gnisuno uguale a Lei… è ner pitale.


Roma, 11 maggio 2014



Quale e quanta tristezza continua dunque a “stracciarmi” il cuore!