LUIGIBOCCILLI

Papa Francesco

   IO “QUESTI” NU' LI STIMO…

EPPURO A LUI L'AMO, PERCHÉ L'AMMIRO!


     Questo volume prosegue con sonetti elaborati in onore di Papa Francesco, in esso anteponendo quelli già elaborati nel 2013 con il titolo mai ufficialmente pubblicato di  “… A un doppo la Cur(i)a”, nel quale fin da allora apprezzavo Papa Francesco.

    L'apprezzamento prosegue inalterato, stante il suo continuare ad affermare quano io sostengo da tempo in rapporto a certi (dis)ecclesiastici comportamenti che ci mostrano il Prete preciar bene e poi… poi razzolare con il vil danaro e, ancor peggio, con il… fanciullesco sesso, da cui l'invito a far sposare i Preti cattolici così come fanno gli Anglicani, i Protestanti e i Pope più o meno Ortodossi.

     In definitiva, il presente vuole essere un inno di lode a un Pontefice che, rovesciando i tradizionali comportamenti “curiali”, viene oggi apprezzato da chi Fedele non sia, venendo paradossalmente rifiutato da molti cosiddetti Fedeli legati alle vergogne (da essi scioccamente mai rilevate) del passato.

     Un Papa infine capace di aver rinforzato  in me (felicemente NON credente) quello “Speranzismo” con cui ho voluto esordire nel libro a Lui dedicato:


LO SPERANTE


«Ce sei, Signore, e dimme, indove stai?

E si ce sei perché Te sei anniscosto?

Da mo che Te sto appresso accosto accosto

pe trovatte… ma nun Te trovo mai!


Guardo le stelle e dico piucchemmai:

Ma certo ch'ha da stacce in quarche posto

Chi ha fatto er tutto - e er tutto bè disposto! -

da Roma a l'antro monno e lì a Shangai.


Dimme, ma che T'ho fatto che vòi damme

sto cruccio che me stressa e m'arovella

l'anima e er còre e a forza de stressamme


Nu' me la fa campà 'na vita bella?...

Ma dimme Tu vòi forse provocamme,

giocannoce co me a nisconnarella?


Lo sai, Signò, Te vojo ma n' Te credo,

perché nun sò un Credente e né un Teatrante

e pòi sta certo ch'io nu' me ravvedo,


Ar punto d'esse er peggio intollerante,

eppure nun Te nego: nun Te vedo?...

Ma Tu lo sai, Signò, sò 'no Sperante».


Roma, 4 novembre 2012