Er Bossolo der ca’




Er dio Bossolo cor... Trota!

 

Er Bossolo der Ca'. Chi sarà mai costui?… Forse i bossoli delle spezie della bottega vostra come dice il Boccaccio oppure il contenitore di dadi come dice il Parini?

No, qui non ci siamo proprio e la domanda, dall’apparenza assurda oltre ogni dire, vuole essere solo provocatoria. In quel “Bossolo” chi mai potrebbe non individuare quel povero individuo svuotato d'ogni etica nazionale (e forse non solo) che, ODIANDO tutto ciò che non sia la (cosiddetta) Padania, non può non essere ODIATO a sua volta, almeno da chi vorrebbe ancora sperare in una vera italica Unità?...

Lui è dunque proprio un pover'oMETTOl…

Già, ma… dove lo metto? Ecco il punto.

Il punto?… Ma quale punto?... Basta metterlo (o, meglio, buttarlo) drento ar cesso e tirare lo sciacquone fino a che non sia defluito nel nulla assoluto.

Per lui, non lui (con il suo delizioso Trota), ma  Roma è la ladrona!…

«Stronzo, Roma è vittima, ricordalo, di tanti (troppi) come te e come… tutti li tua», tra i quali quel tale che tramite YouTube mi ha deliziosamente augurato la… SLA!

Bah!…

Hompage.html
HomepageHompage.html